La guerra delle beccacce, un libro di Pietro Cortellini

la-guerra-delle-beccacce-1Pietro Cortellini, medico chiurugo, è direttore dell’Unità Operativa di Urologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma. Autore di testi scientifici inerenti la professione, recentemente si è cimentato in esperienze letterarie riguardanti altre tematiche. Tra le sue pubblicazioni “Diario di un cacciatore nostalgico (appunti di vita), nel quale decata, in una prosa provocatoria, i pochi pregi e i molti difetti dell’anacronistica caccia di oggi, di quella “passionaccia”, come la definisce lui, ereditata dai geni paterni, ora in fase asfittica di problematica riabilitazione. Con La guerra delle beccacce, sorprendente poetica favola moderna, l’autore racconta il vivace mondo delle beccacce, mettendo in luce quanto gli effetti “beccacceschi” siano così simili, nella loro turbolenza e dinamicità, ai casi “umani”, non fosse altro per l’apparenza, sia pure in ruoli diversi, ad uno stesso mondo, regolato dalle ferree ed impietose leggi della natura.

La guerra delle beccacce, 2008
Battei – www.battei.it

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Libri & Arte

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com