Coniglio & Furetto: una caccia tra brividi e tradizione

La caccia al coniglio selvatico in Sicilia non si ferma al solo uso del cane come ausiliario, del Cirneco dell’Etna o di altre razze tanto belle e affascinanti capaci di molteplici incontri. Il cirneco dell’Etna è capace di cacciare il coniglio sino allo scatto, ma anche e soprattutto capace di seguire l’usta sino alla tana dove il coniglio si è da poco rifugiato. Proprio qui viene il bello! La nostra terra, quella “sciarosa” alle pendici dell’Etna, offre migliaia di ripari al selvatico che negli anfratti trova rifugio in tane che sembrano labirinti. È lì che entra in gioco un piccolo grande ausiliario: il furetto. È un animale piccolo con la colonna vertebrale mobile, simile ad una donnola, carnivoro e di indole predatoria. I più bravi, con una grande venaticità, riescono, proprio per le loro caratteristiche, a entrare e percorrere quelle tane con grande caparbietà sino a raggiungere l’obbiettivo. Il coniglio avvertendo la presenza in casa dell’ospite indesiderato, scappa, uscendo dalla tana, “offrendosi” al cacciatore che aspetta con il fucile imbracciato.

Sembra tutto molto semplice, ma vi assicuro che non lo è affatto. Le prime difficoltà si incontrano nel l’addestramento del furetto: è sì ormai un animale quasi casalingo, ma resta sempre un carnivoro, predatore e mordace. Bisogna che capisca quando rientrare tra le mani del proprietario e che riesca a cercare con venaticità tale da non mollare al primo tentativo a vuoto. Il cacciatore, una volta messo in tana il furetto, inizia una lunga attesa nel silenzio assoluto per percepire il rumore del “bubbolo” legato al collo dell’ausiliario e il rumore prodotto dal coniglio, con il battere delle zampe, che precede la sua uscita.

Questa ultima fase è la più adrenalinica: il cacciatore sente scorrere i brividi lungo la schiena aspettando la corsa sfrenata del coniglio, alla sua uscita dalla tana parte un tiro difficilissimo, di stoccata, spesso in un tratto brevissimo tra rocce, rovi e Ampelodesma (la nostra disa). Questa è la Sicilia. Questa è la tradizione.

aC | Antonino Simone

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Lepre

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com

  • Purtroppo questa è stata la distruzione della caccia al coniglio in Sicilia il furetto illegalmente ha invaso tutti i territori ed ormai sentire il cane abbaiare il coniglio e diventata utopia. da cacciatore dico stop alla caccia col furetto in tutta la Sicilia per il bene della caccia e dei Cacciatori. La vera caccia è solo quella con il cane!