Storia e ricarica del 257 Weatherby Magnum

Il perfetto tuttofare per la media selvaggina e le lunghissime distanze, poco utilizzato negli USA dove i cacciatori preferiscono il 25-06 e poco diffuso in Italia ed Europa a causa del costo delle armi. E questo è un vero peccato poichè nel nostro paese questo calibro, poco conosciuto, rappresenterebbe davvero il “calibro tuttofare” in grado di soddisfare tutti i cacciatori. Con i munizionamenti proposti della svedese Norma è in grado di sviluppare circa 410Kgm mentre con le originali Weatherby non supera i 390Kgm. Il 257 Weatherby Magnum è in grado di assicurare traiettorie tesissime e di abbattere sul posto caprioli, camosci, mufloni, stambecchi, cinghiali di media stazza e daini, anche ben oltre i 300 mt.

La storia del calibro potrebbe essere l’essenza del suo utilizzo: quel genio di Roy Weatherby nel 1942 comprese la necessità di un vasto pubblico di cacciatori che era alla spasmodica ricerca di calibro medio in grado di avere un alzo e un calo contenutissimo.

Nacque così  nel 1944 una prima versione del 257 Weatherby Magnum, per poi essere definitivamente messa sul mercato soltanto nel 1948. Roy Weatherby per il suo .257 partì, come spesso è accaduto per i suoi calibri, ad esclusione del 224, del 240, del 378, del 416 e del 460, dal bossolo con cintura di rinforzo (belted) della inglese 300 Holland & Holland Magnum.

Il nuovo 257 WM dimostrò subito un carattere deciso: potenza, velocità e radenza, nelle mani di chi era disponibile a sopportarne il rinculo e di esborsare fino ad un prezzo triplo a quello della concorrenza per approvvigionarsi delle munizioni. Il 257 WM mise subito in dubbio le qualità fino a quel momento espresse, dei calibri europei più utilizzati in montagna, il 5,6 x 61, il 7 x 66 Vom Hofe Super Express, la 5,6 x 57 e la 6,5 x 68 Shuler.

Il 257 Weatherby Magnum trovò la sua naturale consacrazione nella caccia al camoscio dove, a detta di moltissimi cacciatori europei, non ha eguali. In realtà il medio calibro di casa Weatherby non teme il confronto con il cervo a patto di utilizzare il buon senso nelle distanze di tiro , arrivando, con qualche accortezza, ad essere utilizzato anche su selvaggina maggiore.

La palle più impiegate per gli usi venatori con il 257 Weatherby Magnum sono da 100, 110 e 120 grs anche se negli USA chi utilizza questo calibro per il contenimento dei nocivi, sparando anche da distanze superiori ai 400 mt (forse esagerate) utilizza palle da 75 grs.

 

I dati sotto riportati si riferiscono ad una palla da 1o0 grs.  (O.A.L.  82,00 – 82,50 mm) semiblindata  a punta molle o con puntale in policarbonato.

Polvere (tipo)Dose (grs.)
WMR58,0 (min.) – 65,0 (max)
TU-800064,0 (min.) – 68,0 (max)
N-56065,0 (min.) – 69,0 (max)
N-17071,0 (min.) – 75,5 (max)
N-16560,0 (min.) – 64,0 (max)
N-16054,0 (min.) – 58,0 (max)
MRP-274,0 (min.) – 78,0 (max)
MRP68,0 (min.) – 72,0 (max)
IMR-782858,0 (min.) – 63,0(max)
IMR-483159,0 (min.) – 64,5 (max)
IMR-435058,0 (min.) – 62,5 (max)
IMR-432052,0 (min.) – 56,0 (max)
IMR-406449,0 (min.) – 53,5 (max)

 

I dati sotto riportati si riferiscono ad una palla da 117 – 120 grs.  (O.A.L.  82,00 – 82,50 mm) semiblindata  a punta molle o con puntale in policarbonato.

Polvere (tipo)Dose (grs.)
WMR57,0 (min.) – 64,0 (max)
TU-800061,0 (min.) – 65,0 (max)
N-56061,0 (min.) – 65,0 (max)
N-17061,0 (min.) – 65,0 (max)
N-16559,0 (min.) – 63,0 (max)
N-16053,0 (min.) – 57,0 (max)
MRP-270,0 (min.) – 74,0 (max)
MRP64,0 (min.) – 68,0 (max)
IMR-782857,0 (min.) – 62,0 (max)
IMR-483158,0 (min.) – 63,5 (max)
IMR-435057,0 (min.) – 61,5 (max)
IMR-432051,0 (min.) – 55,0 (max)
IMR-406448,0 (min.) – 52,5 (max)

 

 

La Redazione di aCaccia.com declina ogni responsabilità da possibili incidenti

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Calibri

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com