Bari, cinghiali in strada: ISPRA autorizza la cattura

A Bari i cinghiali pasturano in strada: ISPRA autorizza la cattura, ma invita il Comune ad eliminare i rifiuti.

L’ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) ha autorizzato l’assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia a procedere alla cattura dei cinghiali che invadono i dintorni e le zone urbane di Bari, dove è ormai la norma avvistarli in branchi alla ricerca di cibo.

Secondo le indicazioni fornite dall’Ispra, il Comune però dovrà provvedere a contenere i rifiuti abbandonati in strada, che risultano essere la causa principale dell’invasione dei suidi, attratti dal cibo a portata di mano.

Le catture dovranno essere effettuate necessariamente con metodi ecologici, ed il Comune si è impegnato a predisporre fototrappole nei pressi dei cassonetti ed a pattugliare il territorio inasprendo le sanzioni per tutti coloro che saranno sorpresi ad abbandonare rifiuti per strada.

Bari è soltanto l’ultima di un lungo elenco delle città italiane grandi e piccole che affrontano quotidianamente un’emergenza, quella dei cinghiali, che pare ormai fuori controllo.

Redazione aCaccia.com

ph.: Archivio

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com