Verona: animalista segregava cani e gatti, denunciata

Verona: volontaria animalista segregava decine di animali in condizioni degradate e devastanti, sequestro e denuncia penale.

Scandalo a Sona nel veronese, dove nei giorni scorsi i Carabinieri Forestali hanno fatto irruzione in un’abitazione isolata, ponendo sotto sequestro 31 cani, 9 gatti e un canarino per il reato di detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura ai sensi dell’ art. 727 del Codice Penale. L’abitazione corrispondeva alla residenza di una volontaria animalista di origini abruzzesi, che tuttavia non era domiciliata nell’edificio ma vi teneva segregati gli animali, come riportato da diverse segnalazioni e come poi confermato dal sopralluogo dei militari.

Tutti gli animali si trovavano rinchiusi all’interno delle stanze dell’edificio a due piani in condizioni talmente degradate dal punto di vista igienico-sanitario, da sconcertare gli agenti e da indurli a non credere che la volontaria animalista vivesse in quel luogo marcescente.

A partire dallo scorso mese di novembre la polizia giudiziaria aveva già accertato come dall’abitazione, sempre chiusa, provenissero un insopportabile tanfo di deiezioni animali ed abbai e guaiti di numerosi animali, che si potevano scorgere dai vetri della porta finestra e che evidentemente erano molti di più dei dieci cani intestati regolarmente alla volontaria.

Tutte le stanze erano prive di riscaldamento, ingombre di rifiuti e sporche di feci, vomito e urina, a mischiati al mangime sparso un po’ovunque, mentre mancavano ciotole di acqua.

I Carabinieri hanno accertato che  gli animali, per lo più anziani o malati, sprovvisti di microchip di identificazione od illegittimamente introdotti in Veneto, provenivano da canili del sud dopo l’affido ricevuto da parte di altre volontarie locali, tratte in inganno da alcune foto fornite loro dall’indagata e che ritraevano gli animali liberi nell’ampio giardino antistante l’abitazione: prato su cui, solo raramente si erano visti aggirarsi due o tre cani.

Gli animali sequestrati si trovano ora presso il Canile Sanitario ed il Gattile dell’Enpa di Verona in attesa di affidi selezionati, mentre la volontaria è indagata a piede libero.

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com