Oasi WWF Valpredina: liberata avifauna riabilitata dal CRAS

[Comunicato Stampa] Oltre cento passeriformi, tre gheppi, due poiane e un allocco sono stati liberati all’interno della Riserva Naturale WWF Valpredina dal personale del Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS) che ha sede nella Riserva in collaborazione con le Guardie Venatorie WWF Lombardia.

I passeriformi provenivano da sequestri operati dalle Polizie Provinciali di Brescia e Bergamo, dai Carabinieri Forestali e dalle Guardie WWF, mentre per quanto riguarda i rapaci diurni (gheppi e poiane) si tratta di esemplari feriti da colpi di arma da fuoco; l’allocco infine era giunto al CRAS in seguito ad un trauma da impatto.“Le province di Bergamo e Brescia detengono un triste primato per quanto riguarda il bracconaggio ai rapaci” racconta Antonio Delle Monache, Coordinatore Guardie WWF Lombardia “ decine di esemplari arrivano feriti da arma da fuoco durante la stagione venatoria. Non mancano gravissimi atti di bracconaggio anche a caccia chiusa: proprio in questi giorni è giunto al CRAS Valpredina un altro raro Falco Pellegrino sparato.”

 

“Nel 2017 gli animali ricoverati al C.R.A.S. WWF Valpredina si attestano a 1680, tra questi 340 rapaci diurni e notturni di quasi tutte le specie presenti sul nostro territorio”,dichiara il responsabile del Centro WWF di Valpredina Dott.Matteo Mauri – “Nel periodo di caccia  il 60% dei rapaci ricoverati presenta ferite da arma da fuoco, nel restante periodo la percentuale scende sotto il 30%”.

Coordinamento Guardie WWF Lombardia

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Ambiente

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com