Razze: perché il Segugio dell’Appennino

Ho scelto una razza antichissima eppure nuova, tra quelle riscoperte di recente dalla cinofilia ufficiale, dimenticate per decenni fra le montagne, conservate e custodite gelosamente dalla sapienza grezza e autentica dei vecchi cacciatori: ho scelto il Segugio dell’ Appennino.

Unico nel panorama dei segugi per le sue caratteristiche peculiari, come l’eccezionale collegamento col conduttore, l’elevata docilità, l’innata dote di collaborazione; la voce particolarmente espressiva musicale e inconfondibile che risuona per boschi e vallate ad indicare la precisa fase di caccia, la sagacia unica che ne fa un saggio e prudente ausiliare sul cinghiale, quanto un intelligentissimo e audace cane da lepre.

La cinofilia ufficiale, che tanto ritiene di aver dato, vuole ora togliere ufficialità, relegandolo a varietà del segugio maremmano, del quale è evidentemente cugino di DNA, ma per l’appunto cugino e non medesimo per qualità e particolarità, a questo cane unico e patrimonio della cultura venatoria, caratterizzato dalle varietà che gli sono peculiari ed adattate agli specifici territori.

Una uniformità morfofunzionale in grado di mantenere tutte quelle specifiche caratteristiche che rendevano e rendono simili, eppur dissimili, cani spesso per nulla imparentati fra loro, lungo tutto l’arco appenninico, uniti da una medesima tipica espressione, da un caratteristico stile di lavoro, da voce, proporzioni e costruzione che ne fanno a mio avviso, a tutti gli effetti, una razza a sé.

E anche per questo, da appassionata e cultore della selezione operata con saggezza, ritengo che non dovremmo mai perdere di vista le origini nel vano quanto inutile sogno di aggiungere modernità alla selezione, o varietà ad una razza che della varietà all’interno del bacino di tipicità e funzionalità, ha già da sempre la sua ricchezza.

Martina Bonaventura

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Razze

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com