ANUUMigratoristi: Bracconaggio, ancora falsità

[Comunicato Stampa]  Siamo veramente sbalorditi nel dover assistere ad una continua campagna di stampa contro la caccia e le sue attività, regolarmente normate nel rispetto delle direttive comunitarie e delle leggi nazionali e regionali, laddove si proclama, privi di ogni fondato riferimento, che in Italia verrebbero uccisi illegalmente 5-6 milioni di uccelli!

Sono numeri privi di alcun fondamento, fatti di stime e perciò fallaci, ma sembrano numeri fatti propri senza alcun approfondimento da parte degli enti istituzionali governativi ai quali si chiede di precisare chi ha svolto questi studi, a quale periodo temporale farli risalire e quale metodologia è stata utilizzata.

Si deve evitare di divulgare notizie false e tendenziose onde pervenire a quantificare questa assurda cifra che sta circolando a livello europeo, avallato finanche dal nostro Governo in un documento inviato alla Commissione UE nello schema di ricerca per reprimere ogni forma di bracconaggio in cui anche le Associazioni venatorie da tempo stanno operando in forma concreta.

E tutto ciò a tutela dell’immagine dei loro associati e del mondo dell’industria e dell’artigianato con i loro addetti che rappresentano, nel rispetto delle leggi, un rilevante settore del PIL nazionale. E tutto questo pure nei confronti delle istituzioni e del loro pervicace lassismo a tutela dell’interesse nazionale. Il mondo dei cacciatori è sano, i bracconieri non hanno nulla a che fare con l’attività venatoria, ma capziosamente, quando si parla di illeciti abbattimenti di specie animali, si tende, in un abile esercizio di disinformazione, a non distinguere gli uni dagli altri.

Maggio 2018

ANUUMigratoristi Stampa 

 

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Associazioni

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com