Condannato l’anticaccia Mocavero, leader dei 100% Animalisti

Il leader del movimento Centopercentoanimalisti condannato a Padova: dovrà risarcire l’on. Sergio Berlato e il prossimo 17 maggio lo attende il processo a Trieste.

Paolo Mocavero, leader del movimento padovano Centopercentoanimalisti, è stato condannato dal Tribunale monocratico penale di Padova a 900,00€ di multa più la liquidazione delle spese processuali e di parte civile.

A citarlo per il reato di diffamazione l’On. Sergio Berlato, consigliere regionale del Veneto. Il Pubblico Ministero aveva chiesto nove mesi di reclusione, pena solo parzialmente accolta dal giudice che ha riconosciuto Mocavero colpevole e ha così disposto la condanna ad euro 900,00€.

Gli animalisti padovani esultano in considerazione del fatto che, secondo loro, si tratta di una condanna mite. In realtà così non è dato che il codice penale per il reato ascritto a Mocavero prevede una multa massima di 1.032 euro, termine molto vicino ai 900,00€ comminati.

Berlato esulta trionfante, Mocavero annuncia ricorso in Appello a Venezia dove spera in una giustizia più tollerante e di allungare i tempi nascondendosi dietro la prescrizione.

Nel frattempo, però, Mocavero non si può dire sereno: il 17 maggio 2018 dovrà difendersi nel processo penale che si svolgerà a Trieste, dopo la denuncia di Marco Buzziolo. Ma non solo… Sempre a Padova dovrà concludersi il processo sempre a suo carico e che vede parte civile Roberto Baggio.

Che se riuscirà ad ottenere una condanna definitiva adirà sicuramente alle vie legali per il riconoscimento del danno in sede civile. E in quel caso non vi sarà prescrizione che tenga…

Redazione aCaccia.com

 

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com