Rovigo: la minilepre dovrà essere eradicata

Rovigo: la Provincia ha stabilito di eradicare la minilepre dal Delta del Po, dove la specie provoca danni alle colture e squilibri naturali.

La Provincia di Rovigo ha varato un piano di eradicazione, da attuare in cinque anni, per la minilepre, specie alloctona originaria del centro-Nord America e che negli ultimi decenni, dopo le immissioni degli anni ’60 a scopi venatori, ha colonizzato buona parte del Sud del Veneto.

Specie molto adattabile e dalla capacità riproduttiva straordinaria, la minilepre nel Rodigino ha trovato un habitat estremamente favorevole nel parco del Delta del Po, tra i comuni di Adria e Porto Tolle, ma anche a Rosolina e Porto Viro. Nel Comune di Ariano nel Polesine, coi censimenti notturni, si è riusciti a stabilire una densità di ben 32 animali per chilometro quadrato.

La minilepre provoca danni alle colture di  soia, frumento e mais, a viti ed alberi da frutto, ma entra anche in competizione con le altre specie autoctone presenti sul territorio, e può trasmettere loro alcune gravi patologie.

Il piano di eradicazione quinquennale prevede l’impiego di reti di cattura, gabbie trappola selettive e battute di caccia, anche con abbattimenti notturni. Tutti gli interventi di controllo saranno coordinati dalla Provincia, con aree di caccia selezionate e ben individuate, e saranno attuati dalle guardie preposte, ma anche dai proprietari o conduttori dei fondi che si trovano all’interno delle zone individuate, e da cacciatori appositamente formati.

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Ambiente

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com