Uganda: leopardo divora bimbo di tre anni, caccia all’animale

Uganda, tragica fine per un bimbo di tre anni, divorato da un leopardo nel Parco Nazionale Queen Elizabeth: le autorità a caccia dell’animale per motivi di sicurezza.

Tragica vicenda nel Parco Nazionale Queen Elizabeth in Uganda venerdì scorso, dove un leopardo ha divorato, sotto gli occhi della baby sitter, un bimbo di tre anni che le era sfuggito al controllo per qualche istante in un’area recintata del Parco.

Il bimbo, figlio di un ranger dello stesso Parco, si è sottratto alla vista della donna mentre facevano una passeggiata, giusto il tempo di finire tra le fauci del leopardo, che gli si è avventato addosso e lo ha trascinato con sé tra i cespugli, mentre la baby sitter urlava disperata, rispondendo alle grida di aiuto del piccolo.

Purtroppo non c’è stato nulla da fare e il grosso felino si è dileguato con la sua preda, mentre le guardie del Parco si sparpagliavano in zona per rintracciarlo: solo la mattina seguente, però, sono stati ritrovati pochi resti del piccolo accanto ad un albero.

Ora le autorità hanno disposto la caccia al leopardo, perché l’aver assaggiato carne umana potrebbe purtroppo fargli ripetere altri agguati simili. Il Parco Queen Elizabeth, che si trova nel sud-ovest del Paese, è tra le mete turistiche più gettonate per la sua popolazione di grandi predatori come leoni, leopardi e iene.

La tragedia di venerdì scorso segue di poco il drammatico attacco sferrato in Sudafrica da un leone, poi abbattuto, nei confronti del 72enne che lo aveva allevato è che è rimasto gravemente ferito al collo e alla mascella,  ed un altro episodio accaduto sempre in Sudafrica: un regista di 47 anni ucciso da una giraffa durante le riprese di un film.

Secondo il racconto di alcuni testimoni il regista stava girando alcuni primi piani delle zampe della giraffa, quando questa ha cominciato a scalciare e lo ha colpito violentemente alla testa con il collo, tanto da lasciarlo a terra tramortito, per poi spirare poco dopo.

Redazione aCaccia.com 

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com