La Spezia: albanese uccide un cinghiale con laccio e mazza e lo macella sul posto

La Spezia: bracconiere albanese cattura un cinghiale al laccio, lo finisce a mazzate e lo macella sul posto, ma i residenti chiamano i Carabinieri Forestali.

Prima ha catturato un cinghiale al laccio, poi lo ha finito con una mazza in metallo e ha cominciato a macellarlo tranquillamente sul posto, staccandogli la testa e scuoiandolo: alcuni residenti del quartiere di Fabiano Basso di La Spezia, però, inorriditi, hanno allertato i Carabinieri Forestali locali.

Alla vista dei militari il bracconiere, risultato poi un cittadino albanese, è fuggito di corsa ma è stato incastrato dal motorino che aveva lasciato parcheggiato sul ciglio della strada non lontano da dove aveva piazzato il laccio, permettendo ai Carabinieri di identificarlo e di mettersi sulle sue tracce.

L’uomo è accusato di bracconaggio e maltrattamento di animali, mentre la carcassa e gli attrezzi di cui si era servito per la cattura, l’uccisione e la macellazione, cioè laccio, mazza e tronchese, sono stati sequestrati dopo essere stati abbandonati precipitosamente dal bracconiere in fuga.

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com