Lombardia: Guardie WWF sorprendono cinese che piazzava lacci

[Comunicato Stampa]  Nucleo ittico venatorio Città Metropolitana di Milano e Guardie WWF sorprendono un uomo di nazionalità cinese che aveva posizionato lacci per catturare fauna selvatica.

La segnalazione giunta al Nucleo ittico venatorio Città Metropolitana di Milano, sotto la guida del Commissario Capo Nello Aldrovandi, era precisa ma necessitava delle dovute verifiche: i cittadini lamentavano la presenza di decine di lacci posizionati nelle campagne di Mediglia (Milano).

Così, dopo molte ore di appostamento, le Guardie WWF e gli Agenti del Nucleo ittico venatorio Città Metropolitana sorprendevano un uomo di nazionalità cinese che, percorrendo il sentiero disseminato di lacci, li ispezionava e li maneggiava coll’intento di meglio posizionarli.

“Questa forma di bracconaggio non è per fortuna molto diffusa nella nostra provincia” racconta Antonio Delle Monache Coordinatore Guardie WWF Lombardia “I lacci sono utilizzati per catturare mammiferi selvatici come conigli, lepri e minilepri; in questo caso erano posizionati ai margini di un campo di erba medica, coltura frequentata da queste specie per alimentarsi. I lacci sono mezzi vietati e terribili che provocano la morte per strangolamento. Nei lacci possono finire imprigionati anche gatti e cani.”

L’uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per caccia con mezzi vietati e caccia in periodo di divieto generale; sequestrati in totale 14 lacci.

 

Coordinamento Guardie WWF Lombardia

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Associazioni

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com