Veneto e Friuli: pochi tordi e allodole, in calo alzavole e fischioni

Annata venatoria quella del 2018/2019 molto particolare, almeno nelle regioni di Nord Est dove il passo migratorio ha deluso le aspettative di molti. Dai centri di inanellamento e raccolta dati di Malga Confin (provincia di Udine) e Monte Pizzoc (provincia di Treviso) non arrivano segnali incoraggianti.

Il passo è stato molto deludente e dalle prime stime si ipotizza un calo del 75% rispetto allo stesso periodo analizzato l’anno scorso, sulle specie Tordo bottaccio, Tordo sassello e Allodola. Piccoli migratori alati che hanno fatto la loro comparsa in Veneto a macchia di leopardo, facendo registrare comunque presenze sporadiche e incostanti durante i giorni di migrazione, anche e soprattutto a causa di incerte condizioni climatiche che alternavano periodi di alta pressione a improvvisi e persistenti fronti depressionari.

Per quanto riguarda gli anatidi, le specie di riferimento registrano un trend dubbio: stabili o in crescita un po’ ovunque i germani reali, nelle aree paludose e vallive. L’Alzavola, sempre molto considerata ai fini venatori dai cacciatori di laguna, registra per la prima volta, una presenza incostante nella prima parte dell’Autunno: in calo in Friuli Venezia Giulia, molto presente nei bacini vallivi di Caorle, sembrerebbe in calo nella laguna nord e sud di Venezia all’infuori di un paio di zone conosciute come ormai abituali per lo svernamento.

Pochi i fischioni presenti nella zona d’elezione, le zone vallive e costiere del Delta del Po, in netto calo nello stesso periodo degli  anni precedenti. Tale temporanea diminuzione è forse dovuta ad un periodo mite che si è prolungato fino a fine settembre ed oltre, influendo sicuramente sulle migrazioni della pregiata anatra selvatica.

Redazione aCaccia.com

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com

  • Giovanni Barcheri

    Per forza, sono stati ammazzati quasi tutti quelli che si spostano sopra i nostri cieli. Ci vuole una bel pelo sullo stomaco, da parte di un cacciatore di queste specie purtroppo ancora cacciabili, a venire a raccontare che la loro diminuzione sarebbe da mettere in relazione a fenomeni climatici. Io le Allodole le sentivo sempre cantare in passato alte nel cielo e poi basta, sparite del tutto !