Saronno: show dei 100% Animalisti contro Sant’Antonio Abate e il Sindaco

In una nota i Centopercento Animalisti fanno sapere che domenica 13 gennaio saranno presenti, per manifestare contro lo sfruttamento degli animali durante lo svolgimento dei festeggiamenti per la sfilata in onore di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali.

Il movimento animalista anticaccia padovano scrive: – Animali esposti in gabbie, alcune molto piccole, altri legati a catena e corda, tutti condannati indistintamente a subire urla di bambini e folla, musica ad alto volume per tutta la durata della “tradizione”. Negli anni scorsi noi di Centopercento Animalisti abbiamo documentato con foto e filmati la vergogna di Saronno, quest’anno saremo presenti fisicamente – .

E gli animalisti non le mandano a dire nemmeno al Sindaco, Stefano Faggioli: – Sembra che il sindaco non gradisca la nostra presenza, le nostre fonti ce l’hanno confermato, tuttavia, saremo lo stesso presenti, autorizzati o non. Gli organizzatori facciano un passo indietro e lascino in pace gli animali. Non abbiamo nulla contro la sagra di Sant’Antonio Abate, contestiamo solo l’uso degli animali che, invece di essere i protetti dal santo, sono vessati e umiliati – .

La Questura di Varese, nel frattempo, ha autorizzato la manifestazione dei Centopercento Animalisti prevista per domenica 13 gennaio 2019.

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com