Bergamo: Federcaccia denuncia gli animalisti anticaccia

La Federazione Italiana della Caccia di Bergamo ha proceduto a denunciare la Lega per l’Abolizione della Caccia (LAC) e la Lega Anti Vivisezione (LAV) a causa di alcuni manifesti affissi sulle bacheche dedicate del comune di Bergamo.

Il manifesto ritraeva un cane, di razza setter inglese, detenuto in un angusto box con porta sbarrata. Ed un fucile vicino. Il manifesto promuove anche uno slogan: ” Anche Jack è vittima della caccia “. Questo accostamento da parte degli animalisti anticaccia ha fatto infuriare la Federazione Italiana della Caccia di Bergamo, che ha provveduto a depositare formale denuncia querela verso le due sigle animaliste.

Federcaccia Bergamo tramite un comunicato dichiara: – Federcaccia Bergamo non può accettare che venga additata di maltrattamento un’intera categoria e tutti i suoi associati. Non può tollerare di essere dipinta come un’ associazione di aguzzini, quando i cani da caccia sono tra quelli oggi meglio trattati. Federcaccia è impegnata costantemente con gli enti territoriali e con le amministrazioni pubbliche, con associazioni di varie categorie sociali anche del mondo agricolo, produttivo e gastronomico ed è inaccettabile la falsa rappresentazione della realtà sostenuta da LAC e LAV.

Per poi concludere – Pertanto, come preannunciato, abbiamo proceduto a presentare formale denuncia querela contro gli autori della campagna falsa e infamante rivolta contro i cacciatori.A chiusura della faziosa e infame campagna sull’ ipotizzato maltrattamento dei cani da parte dei cacciatori, LAC e LAV sono usciti con un discusso manifesto. La degna chiusura di tante falsità in realtà la mettiamo noi di Federcaccia Bergamo, con una querela per diffamazione aggravata per le falsità raccontate sin dalla conferenza stampa del 17 gennaio scorso sino ad arrivare all’odioso manifesto.

Redazione aCaccia.com

 

 

 

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com