Maria Cristina Caretta: “proposta di legge per punire gli anticaccia”

L’Onorevole Maria Cristina Caretta spiega pubblicamente attraverso una serie di dichiarazioni la sua nuova proposta di legge volta a punire severamente chi disturberà i cacciatori e i pescatori. La deputata Caretta è intervenuta ai microfoni de L’Italia s’è Desta condotta da Ginaluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

“Ci sono persone che nel rispetto di leggi comunitarie, nazionali e regionali esercitano attività venatoria e piscatoria si trovano ad essere molestati e vessati da gruppi che in maniera ideologica la pensano in maniera diversa. La caccia e la pesca sono attività che hanno influenzato la vita umana sin dalle origini. Se una volta si cacciava per necessità oggi la caccia è diventata gestione del territorio e del patrimonio faunistico. Un albero da frutto, per dare frutti sempre più rigogliosi, deve essere irrigato, pulito dalle erbe infestanti ma deve essere anche potato. Il cacciatore rappresenta quelle mani sapienti che vanno a potare quell’albero in modo tale che possa dare frutti anche per le generazioni future“.

Sono orgogliosamente cacciatrice. Io arrivo dal Veneto quindi amo cacciare la fauna migratoria in generale, in particolare gli acquatici. Questa è una tradizione delle nostre valli venete. In Italia c’è una forte tradizione a livello di caccia. L’Italia rappresenta un’anomalia rispetto agli paesi dell’Unione Europea. Solo in Italia c’è questo scontro ideologico accesa tra cacciatori e pescatori con gruppi estremisti animal/ambientalisti

Quelli che esultano quando muore un cacciatore? È un bruttissimo fenomeno, non si dovrebbe mai esultare quando muore una persona. È giusto punire chi va ad impedire un’attività lecita prevista dalle leggi. Abbiamo avuto molti casi in Italia di persone che vanno a caccia e vengono aggredite verbalmente e fisicamente da squadre di estremisti che vogliono provocare i cacciatori. Questi facinorosi arrivano anche allo scontro fisico. Abbiamo avuto un caso, nel mantovano. È stato picchiato un cacciatore che è rimasto sulla sedia a rotelle. Per questo abbiamo presentato questa proposta di legge in Commissione Giustizia che prevede multe da 600 a 3600 euro. I cacciatori sono cittadini di serie A, con la fedina penale pulita perché altrimenti non potrebbero avere il porto d’armi.”

Redazione aCaccia.com

RIPRODUZIONE VIETATA anche parziale senza il consenso scritto dell'editore   -   © acaccia.com   -   Tutti i diritti riservati. All rights reserved.

Leggi anche gli altri articoli di Cronaca

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Regole di comportamento per i commenti. Vengono cestinati commenti fuori tema, provocatori, privi del dovuto rispetto per le opinioni altrui, con contenuti maleducati o offensivi e non in linea con il tenore della discussione, insieme a tutti i messaggi provenienti da indirizzi irregolari. Non è consentito pubblicare link terzi e scrivere testi in stampatello. L'attività dei moderatori è insindacabile e inappellabile compresa la chiusura dei commenti e il blocco di un utente. La pubblicazione di un commento implica l'automatica accettazione di queste regole e delle norme "Nota legale" del giornale.
Per inserire un'immagine personale, registrarsi con lo stesso indirizzo email al sito: http://it.gravatar.com